NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 139 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Venerdì, 29 Agosto 2014
Domenica, 31 Agosto 2014

Parco Naturale del Gruppo del Tessa

14° Trekking

Il Gruppo di Tessa è un Parco Naturale istituito dalla Provincia di Bolzano nel 1976 in cui si possono ritrovare gli aspetti più tipici dei parchi alpini: morfologie glaciali e fluviali, praterie, laghi e cascate, ricchezza di fauna e di flora.
E' un arco di montagne di grande interesse alpinistico ed escursionistico che costituisce il nucleo essenziale della Giogaia di Tessa. Non a caso, proprio nella parte alta di questa valle, venne costruito nel 1891 il primo rifugio del gruppo ad opera dell'AVS di Merano; ancor oggi il Rifugio Fiammante è il punto di partenza obbligato per chi vuole addentrarsi nel Gruppo di Tessa per scoprirne le segrete bellezze.
Durante il primo giorno il percorso verso il rifugio segue la valle che, nella parte mediana poco sopra la Malga Nazzareto è caratterizzata da salti d'acqua con cui il torrente supera le numerose soglie levigate da antichi ghiacciai.
Nell'alta Val di Sopranes, nel cuore del Parco Naturale del Tessa, c'è il più esteso gruppo lacustre d'alta quota dell'Alto Adige. Questa zona, che si attraversa durante la seconda tappa del trekking, è una delle più interessanti e caratteristiche di tutto il parco: acque che scorrono e gorgogliano da un lago all'altro, cascatelle, rapide e placidi specchi lacustri formano un paesaggio armonioso e suggestivo.
La traccia più evidente del passato periodo glaciale la possiamo tuttavia riscontrare nelle decine di laghi che punteggiano qua e là tutto il gruppo. Laghi e laghetti derivano dal riempimento ad opera delle acque delle cavità un tempo sede dei ghiacci. Nell'alta Val di Sopranes alcuni di questi laghi assumono a volte delle colorazioni caratteristiche che hanno ispirato i loro nomi: così troviamo i Laghi di Latte o il Lago Verde o ancora Lago Nero; in altri casi è la forma della superficie lacustre a determinare il nome, come nel caso del Lago Lungo. Luogo di arrivo il Rifugio Bocher-Huette (1717m).
Il terzo giorno di trekking segue un facile e piacevole itinerario che ci permette di raggiungere la Cima Muta (2294 m), splendido belvedere su tutto il Gruppo di Tessa. Si scende sul sentiero Hans Frieden, che attraversa le pareti rocciose che formano il versante meridionale della Cima Muta; il percorso è aereo e panoramico, con vista sulla Val Venosta e sulla Val dell'Adige.


  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
  • Tempo di percorrenza: 1°gg: 3/4 ore - 2°gg: 6 ore - 3°gg: 6 ore
  • Dislivello: 1° giorno: 900/1200 in salita – 2° giorno: 600 in salita / 1100 in discesa – 3° giorno: 600 in salita / 900 in discesa

  • Attrezzatura richiesta: Casco, imbragatura, set da ferrata
  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: Pietro Dalla Valle - Paolo Artuso

Condividi



Commenti

blog comments powered by Disqus