NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 100 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Domenica, 17 Giugno 2018

Le Tre Cime del Bondone

Gruppo Paganella - Bondone

L'escursione ad anello delle Tre Cime del Bondone è probabilmente l'escursione più affascinante fra quelle del gruppo montuoso.
Dal 1968 nella zona compresa tra le piccole valli del Merlo e Mana, tra la Costa dei Cavai ed il profilo delle tre cime, è stata istituita la Riserva Naturale Integrale delle Tre Cime del Monte Bondone. Una zona di grande valenza naturalistica: a inizio estate la piccola area naturale protetta si trasforma in un tappeto di colori formato da milioni di fiori alpini.
L'escursione parte dalla piana delle Viote (1540 m). Il Cornetto (2180 m) è la prima cima che si raggiunge attraverso un percorso poco impegnativo (segnavia 607) ma appagante dal punto di vista scenografico con vista sullo sfondo verso il Carè Alto e le Dolomiti di Brenta.
La vetta si guadagna senza difficoltà salvo un brevissimo traverso negli ultimi metri.
A seguire, con direzione nord-est si prosegue verso il Doss d'Abramo (2133 m) la cima centrale e la più ostica delle tre, ma anche quella che da maggiori soddisfazioni: è un tozzo torrione di calcare dolomitico, con una gradevole sommità prativa ma con pareti circostanti pressoché verticali. E' una vera emozione il susseguirsi di magnifiche vedute sui monti e sulle valli del Trentino. Vi si accede principalmente per due opposti, brevi e facili tratti attrezzati, oppure per la breve ma impegnativa ferrata "G. Segata". Noi seguiremo la prima soluzione. E' possibile in alternativa evitare la cima rimanendo sul sentiero principale.
Ancora a nord-est, sul filo di cresta e si arriva alla Cima Verde (2102 m), una piramide che domina la conca del Viote e, a differenza delle altre due cime, non è di calcare dolomitico ma di "scaglia rossa".
La discesa, senza difficoltà tecniche, si sviluppa lungo il versante nord di Cima Verde, poi, con l'attraversamento dell'intera piana delle Viote, si chiude l'anello tornando al punto di partenza.


  • Difficoltà: E (Escursionistico) - EEA (Escursionisti Esperti Attrezzati)
  • Tempo di percorrenza: 5 ore
  • Dislivello: 810 metri

  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: Fiorenzo Gheno

Condividi



Zona dell'escursione

Commenti

blog comments powered by Disqus