NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 91 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Domenica, 08 Giugno 2014

Prati di Vederna

Vette Feltrine

Sarà una salita semplice. Non arriveremo sulla cima di una vetta ma cercheremo un angolo di montagna dove poter guardarci attorno ammirando e immortalando, con le nostre macchine fotografiche, attimi suggestivi e tanti tanti colori. Nessuna sensazione di solitudine e isolamento, ma un'atmosfera di pace e tranquillità in un luogo qualsiasi dove potremo ammirare la mirabile bellezza della natura e della vegetazione che ogni anno ammanta il mondo incantato delle Dolomiti. Un approccio che vuole anche insegnarci a rispettare questo nostro comune patrimonio, ad ammirare i fiori alpini nella loro naturale bellezza nell'ambiente che madre natura ha loro assegnato.
Il luogo prescelto è l'Alpe Vederna o Prati di Vederna, ai piedi del Monte Pavione, un ampio prato caratterizzato dalla presenza di numerosi masi, le baite primierotte utilizzate per l'alpeggio del bestiame e per la conservazione del fieno.
La meta è accessibile percorrendo la Val Noana e, in località Valpiana, deviando in direzione Alpe Vederna. Sull'Alpe Vederna, oltre ai succitati numerosi masi, trovano spazio una suggestiva chiesetta alpina, intitolata alla Madonna della Neve, un attrezzato rifugio, la Cascina Forestale utilizzata dalle parrocchie per i campeggi estivi ed invernali, e la Malga Agnerola, proprio ai piedi del Monte Pavione. A nord dell'Alpe Vederna si colloca la cima del Monte Vederna sulla cui sommità è presente un pianoro erboso, raggiungibile dall'Alpe attraverso una comoda strada forestale. A picco sulla Valle di Primiero, sul lato nord del pianoro, è situata una croce, la Croce degli Alpini, dalla quale è possibile ammirare il magnifico paesaggio dolomitico della Valle di Primiero, i paesi situati lungo il torrente Cismon, il gruppo delle Pale di San Martino, i Lagorai, le dolomiti della Val di Fassa e tutti i massicci posti a nord, nord est e nord ovest, fin dove lo sguardo si perde nel vuoto.


  • Difficoltà: E (Escursionistico)
  • Tempo di percorrenza: 5 ore
  • Dislivello: 500 metri

  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: Claudio Bizzotto - Giancarlo Bizzotto

Condividi



Commenti

blog comments powered by Disqus